Sonicweb internet Radio Player: Registra musica gratuitamente da Internet!

Abbiamo voglia di riempire i nostri iDevices di musica ma non abbiamo voglia di collegarli ad iTunes? Questo oggi è possibile in maniera legale e soprattutto anche senza effettuare il Jailbreak del nostro dispositivo. Sto parlando dell’applicazione “SonicWeb Internet Radio Player” realizzata dallo sviluppatore tedesco Patrick Dehne. Vediamo insieme di cosa si tratta!

 


[app 516360076]
Bisogna precisare che la filosofia dell’applicazione è quella di registrare musica quando si ha a disposizione unicamente una rete Wi-Fi in modo tale da non consumare preziosi megabyte del nostro piano tariffario e soprattutto evitare interruzioni a causa di cattiva ricezione della rete. Una volta aperta l’applicazione si ha davanti un’interfaccia semplice e sobria.

Selezionando infatti “Personal Radios” possiamo cercare dal vasto catalogo di web-radio quelle che più ci piacciono. Infatti possiamo scegliere sino a 5 radio contemporaneamente che, non appena selezionate, verranno registrate non come delle singole tracce, bensì verranno suddivise per artista e titolo del singolo. Scegliendo 5 web-radio, ad esempio, in soli 30 minuti sono riuscito a registrare ben 20 canzoni. Ovviamente, se è in onda un pezzo che non ci piace può essere velocemente rimosso dalla nostra lista premendo un solo tasto.

Essendo una delle prime versioni dell’app però mancano molte stazioni radio per noi italiani. Ma questo non è un problema perché lo sviluppatore è già a lavoro per implementare le radio disponibili, inoltre nel menù è presente un opzione per segnalare quelle che mancano e che vorremmo fossero introdotte.

L’applicazione costa €1,79 richiede iOS 5.0, è universale, quindi compatibile sia con iPhone che con iPad ed è ottimizzata per iPhone 5. Le lingue tuttora disponibili sono tedesco e inglese. Vi lasciamo con un video che ne dimostra le potenzialità:

Sonicweb internet Radio Player: Registra musica gratuitamente da Internet! ultima modifica: 2012-12-23T16:28:14+00:00 da Antonio Picone

Related Posts