Sparrow, il client mail alternativo per Mac ed iPhone?

Pochi giorni fa vi abbiamo parlato dell’offerta con cui potevato acquistare Sparrow per iPhone ad un prezzo più basso del solito ed oggi ci immergeremo in una piccola recensione di questo client per la gestione delle mail disponibile sia per iOS che per Mac OS X.

Partiamo direttamente dai costi dell’applicativo distinti tra le due diverse piattaforme:

  • 2,39€ per iOS
  • 7,99€ per OS X

Qualcuno di voi potrebbe subito dire “perché pagare per qualcosa (Mail) che ho già di default sul mio iPhone/Mac?”. In effetti questa domanda non è del tutto sbagliata e vederemo nel proseguio il perché.

Partiamo con la versione per iPhone. L’applicazione a primo impatto si presenta davvero molto bene graficamente, dettagli curati e design minimale in pieno stile Apple. Appena avviata ci verrà chiesto di inserire il nostro account di posta, con il quale entreremo all’interno dell’app. A questo punto ci verranno mostrate tutte le nostre mail in arrivo e con un rapido slide da sinistra verso destra saremo in grado di visualizzare tutte le informazioni del nostro account con le relative caselle di posta (Entrata, Arrivo, Bozze ecc..).

Se siamo possessori di più utenze mail non dovremo far altro che aggiungere tali account e, una volta fatto, con un altro slide da sinistra verso destra saremo in grado di visualizzare tutti gli account sincronizzati; in modo da poter scegliere l’indirizzo di posta da utilizzare. E’ presente anche una casella “Mail unificate” grazie alla quale potremo avere sempre sott’occhio tutte le mail di tutti i nostri account.

Altra funzione molto utile la troviamo all’interno della casella di lettura delle mail. Con uno slide sulla barra del menu in alto saremo in grado di spostarci dalla casella di posta in entrata, a quella dei messaggi non letti e ancora ai messaggi contrassegnati. Una praticissima funzione che potrebbe risultare davvero molto utile in alcuni casi.

Un’altra pratica funzionalità è disponibile effettuando uno slide su di un messaggio mail. Mentre su Mail di iOS possiamo solo eliminare il messaggio, in Sparrow comparirà un sottomenu nel quale potremo scegliere se rispondere, selezionare come preferito, eliminare, spostare ecc.

Nella composizione di un messaggio inoltre, potremo decidere di inserire più di un allegato dato che se partiamo da una foto all’interno del rullino e la vogliamo aggiungere ad una mail tramite il pulsante di condivisione, questa aprirà automaticamente il programma di default cioè Mail di iOS.

Altre differenze con l’app di default Mail le troviamo nella lettura dei messaggi. Per passare da una conversazione all’altra non dovrei far altro che scorrere fino alla fine (o all’inizio) del messaggio per passare alla conversazione successiva (o precedente) senza dover necessariamente tornare indietro alla casella principale ogni qualvolta se ne ha la necessità.

Passiamo ora agli aspetti negativi di Sparrow. Finora, l’unico difetto che ho trovato usando l’app è l’assenza delle notifiche Push. Se riceviamo una mail non riceveremo il classico avviso come avviene con l’app di default. Questo difetto, anche se l’unico a mio avviso, è una limitazione  che sinceramente da sola già pregiudica molto il mio giudizio finale.

Secondo me, attualmente, Saprrow è la migliore alternativa a Mail per iOS ma, se non per specifiche esigenze, non si sente un reale bisogno di cambiare il proprio client mail di default per le operazioni di lettura/invio di tutti i giorni. Si, le funzionalità rispetto a Mail sono un po’ di più ed anche superiori come integrazione, ma secondo me la mancanza delle notifiche push per la presenza di nuova posta è un qualcosa che pregiudica qualsiasi valutazione.

Gli sviluppatori comunque ci hanno fatto sapere che sono già al lavoro per una nuova versione compatibile con iOS 6; quindi non ci rimane che aspettare questo nuovo aggiornamento con la speranza che venga aggiunto questo maledetto Push.

La versione per Mac di Sparrow è molto simile a Mail di default, le uniche differenze le abbiamo nella barra estrema sinistra nella quale avremo una panoramica di tutte le nostre caselle con gli avatar corrispondenti, e la possibilità di passare da uno all’altro con un semplice click. (click per ingrandire)

Da notare anche la presenza di una sorta di “Risposta rapida” (in rosso) che ci permetterà di rispondere ad una mail direttamente all’interno della mail stessa, grazie ad un pratico box di scrittura (in verde)che apparirà se pigiamo il tasto corrispondente. (click per ingrandire)

Simpatica è anche la gestione delle etichette di Gmail, grazie alle quali potremo contrassegnare rapidamente la categoria di una conversazione tra le molte proposte; ed anche l’integrazione con CloudApp e Dropbox, grazie ai quali potremo inserire un file in allegato trascinandolo direttamente all’interno del messaggio ed esso automaticamente effettuerà l’upload anche su uno dei servizi prima citati.

Nella mia analisi non ho trovato altre differenze così grossolane tra Sparrow e Mail per Mac, anche se molto comoda risulta la possibilità di aggiornare la posta incentrata semplicemente con uno swipe con due dita dall’alto verso il basso; funzionalità assente in Mail. Tirando le somme, secondo me i due client si equivalgono per un uso domestico, e l’utente medio in mia opinione non ha la necessità di spendere quasi 8€ per ritrovarsi più o meno le stesse funzionalità che ha già con le applicazioni di default. Discorso completamente diverso per chi invece ne fa più un uso professionale ed ha bisogno di queste piccole funzionalità che rendono più comoda l’esperienza ed a volte anche più veloce.

In definitiva, allo stato attuale non conviene spendere 2,39€ per avere un client di posta che ha si qualche funzione in più, ma manca di un’integrazione di vitale importanza come quella delle notifiche Push. Se poi questa lacuna verrà recuperata allora sarà tutto un altro discorso. Ma se per voi il Push non ha alcuna influenza, allora l’acquisto è d’obbligo dato che è il miglior app-killer di Mail in questo momento.  Per quanto riguarda Sparrow per OS X invece, non consiglio di spendere i 7,99€ richiesti ad un utente che fa un uso semplice della posta elettronica; ma lo consiglio a chi invece ne fa un uso un po più prefossionale grazie all’integrazione con il Cloud e le altre pratiche funzioni sopra elencate.

[app 492573565]

[app 417250177]

Sparrow, il client mail alternativo per Mac ed iPhone? ultima modifica: 2012-06-23T09:30:47+00:00 da september

Related Posts