L’uso degli smartphone ha giovato per tutti i settori, soprattutto per quello del gioco online

Che gli smartphone abbiano avuto un impatto notevole sulla vita quotidiana delle persone è evidente agli occhi di tutti. Che abbiano modificato il concetto di divertimento, forse, è passato in secondo piano. Perché nella società moderna il dispositivo mobile intelligente non è solo un vezzo, ma una necessità. E come tale, lo è diventato in quasi ogni aspetto della vita di una persona. Anche quello ludico. Un esempio? Il gioco d’azzardo.

Tutta l’industria del divertimento si è digitalizzata, o sta completando la sua trasformazione tecnologica. Il settore del gambling, grazie al contributo nello sviluppo software di grandi imprese come Playtech, Novamatic, NetEnt, ha trasformato le prime forme di gioco online presenti su internet in piattaforme avanzate, grazie soprattutto ad un collaborazione sinergica con i migliori casino AAMS. Dalle versioni arcade si è passati progressivamente a titoli che presentano numerose caratteristiche in comune con il gaming, segmento che domina il mercato italiano.

In Italia la raccolta globale dal gaming è di un miliardo di euro, a fronte di un totale di 96. Sarebbe però sbagliato sottovalutare l’importanza che internet sta assumendo nel settore dell’azzardo, riuscendo a conquistare un range sempre più ampio di utenti. I numeri del 2016 parlano di un incremento del 25% rispetto al 2015 e di un’incidenza nel rapporto con l’offline aumentata del 5,4%. In questo quadro gli smartphone hanno giocato un ruolo decisivo, ampliando il raggio di offerta.

Il mobile nel complesso ha fatto registrare un positivo considerevole, con ben 233 milioni di euro di raccolta. Nel 2015 era soltanto la metà. Il merito si può attribuire di certo al migliore sfruttamento della tecnologia digitale, che ha permesso un innalzamento del livello medio dell’offerta. Se prima erano una manciata i siti a garantire un’applicazione funzionante, oggi tutti i migliori casinò online sono chiamati a far comparire il loro prodotto sullo Store. Il miglioramento medio ha portato a un tasso di penetrazione del 23% sul mercato complessivo, quasi un quarto. Nel 2015 era il 19. Tra i dispositivi mobili, è quasi inutile sottolinearlo, sono gli smartphone a spadroneggiare, con l’84% della raccolta. Solo tre anni prima era il 57%.

La conseguenza della diffusione degli smartphone potrebbe avere una conseguenza quanto meno interessante. Finora il settore del divertimento ha visto, in linea di massima, i dispositivi adattarsi alle caratteristiche dell’industria per servirla al meglio. Con il gaming invece potrebbero essere i giochi a doversi adattare alle nuove tecnologie, e alla loro capacità di velocizzare l’esperienza. Non a caso le slot machine, già molto amate dagli italiani, sono le dominatrici incontrastate dell’online. Basta una manciata di secondi per effettuare una puntata e sperare di vincere il jackpot. Poco dopo si può provare di nuovo, rendendo fruibile in ogni luogo un’esperienza che un tempo si poteva provare solo nei casinò, poi anche nelle case scommesse.

Al contrario il poker, che di per sé richiede molto tempo e concentrazione, sta subendo un brusco calo di giocatori. Nel 2016 il volume di gioco online è stato di 138 milioni di euro in meno rispetto al 2015, unica specialità in negativo. E per invertire la tendenza non saranno gli smartphone, o i dispositivi mobili in generale, a cercare un modo per attirare i pokeristi. Dovrà essere il poker, come ha già provato a fare con la variante “speed”, a chiamare a sé una maggiore utenza. Solo uno degli incredibili risultati portati dai cellulari intelligenti, che hanno sovvertito le abitudini quotidiane. Anche nel divertimento.

L’uso degli smartphone ha giovato per tutti i settori, soprattutto per quello del gioco online ultima modifica: 2017-11-28T20:22:23+00:00 da september

Related Posts